L’arte del tattoo: tra mostre e cortometraggi, anche un omaggio a Marco Black Jack Provolo

L’arte del tattoo: tra mostre e cortometraggi, anche un omaggio a Marco Black Jack Provolo

In vista del quindicesimo compleanno del Black Jack Tattoo Shop di Verona, un cortometraggio ne racconta storia, filosofia e real life, mentre la mostra “Tattoo. Storie sulla pelle”, all’M9 di Mestre, ripercorre la storia del tatuaggio presentando anche un giovane Marco Provolo immortalato da Oliviero Toscani.

66059862_2475590959158527_6017859402059481088_n“Un fenomeno di costume che dilaga in tutte le classi, segnando i rapporti sociali, diventando un linguaggio potente nel mondo della comunicazione e dell’arte, cambiando i paradigmi estetici del sé e dell’altro”: è questo il pensiero, espresso da Marco Biscione, Direttore M9, che sta alla base di Tattoo. Storie sulla pelle, la mostra dedicata all’arte del tatuaggio ospitata all’interno dell’ultimo piano del l’interattivo Museo del ‘900 di Mestre.

Tra i “tattoo in mostra”, accanto alle retrospettive di Alex De Pase (iperrealismo), Marco Manzo (ornamentale), Moni Marino, (surrealismo) Silvano Fiato (realismo) e Volko + Simone (trash polka), opere di alcuni tra i più importanti artisti contemporanei come Tin-Tin, Filip Leu, Horiyoshi III, Nicolai Lilin (dal cui libro del 2012 è stato tratto il titolo della mostra), Claudia De Sabe, Wim Delvoye, Santiago Sierra, Dr. Lakra, Valie Export, Mary Coble, Fabio Viale, oltre alle fotografie realizzate da Catherine Opie, Tobias Zielony, Sergei Vasiliev, Plinio Martelli e… Oliviero Toscani!

Tra le gigantografie 150 x 100 cm esposte, quindi, anche alcuni scatti realizzati dal famoso fotografo milanese Oliviero Toscani, creatore negli Anni Ottanta delle campagne per il Gruppo Benetton, presente alla Tattoo Convention di Livorno del 2012, in occasione della quale realizzò dei ritratti, tra i quali campeggia quello del nostro Marco Provolo, tattoo artist veronese e titolare del Black Jack Tattoo Shop che, a fine settembre, festeggerà i suoi primi quindici anni di attività.

Un “regalo” anticipato, quindi, quello presentato all’M9, che è stato anticipato di pochi giorni da un altro importante progetto culturale, Il collezionista di tatuaggi, cortometraggio realizzato da Margherita Pancheri all’interno del Black Jack Tatto Shop e selezionato per il Festival del Cinema in Libertà di Bari, dove verrà presentato nella giornata di martedì 30 luglio.

67271938_465321514293088_5867597866674946048_n

Aggiungi commento

La tua e-mail non sarà pubblicata. I campi richiesti sono contrassegnati con *